GAGGIANO e dintorni - MI

Indirizzo e numero civico
Via Roma, 36
Città
Gaggiano - MI
Nazione
ITA

Gaggiano è una cittadina del sud-ovest milanese, situata all’interno del Parco Agricolo Sud di Milano e attraversata dal Naviglio Grande. Diversi sono gli itinerari che si possono svolgere nella natura attorno a Gaggiano, per approfittare della tranquillità e anche delle bellezze storico-artistiche disseminate nel borgo e nel territorio circostante. Luoghi da visitare con tranquillità sono ad esempio:

Palazzo Stampa Aloardi: l’edificio si trova sulla riva sinistra del Naviglio, a pochi passi dal Ponte Vecchio. Il Palazzo, conosciuto anche come Palazzo Marino, è il più antico esistente nel territorio ma è possibile visitarlo solo in qualche rara occasione, come nelle aperture concordate col FAI, Fondo Ambiente Italiano.

Casa Camurati: l’edificio dalla caratteristica torretta merlata è stato costruito fra il 1805 e il 1815 e porta il nome della famiglia Camurati, insediatasi a Gaggiano all’inizio dell’‘800. La torretta era destinata semplicemente all’uccellagione, come s’intuisce dai numerosi fori ancora rimasti nelle pareti, destinati ad attirare volatili di piccola taglia col richiamo del mangime messo all’interno.

Santuario di Sant’Invenzio: la chiesa, che si affaccia sul Naviglio, è l’ultimo rifacimento di un edificio di culto di origini duecentesche. All’interno è conservato un affresco della Madonna delle Grazie risalente al 1388.

Le bocche della Gamberina: con il prolungamento del Naviglio Grande fino a Milano, la roggia Gamberina ha mantenuto la funzione di scaricatore per abbassare il livello delle acque del canale. La fuoruscita delle acque in eccesso avviene attraverso l’apertura di una o più delle sei bocche di Gaggiano, operata azionando a mano le ruote dentate. La sua caratteristica è di non essere mai a secco, qualità che la rende fra le più importanti fonti d’irrigazione dell’area a sud-ovest di Milano.

Piccolo Museo dei Combattenti e Reduci: Il piccolo museo contiene cimeli di guerra e i ritratti di tutti i caduti e di molti reduci dal 1915 in poi, come un piccolo santuario della memoria dei gaggianesi.

Palazzo Venini Uboldi: Da ammirare il cortile e il piccolo oratorio settecentesco di San Francesco. Per le visite: il cortile è sempre aperto (proprietà privata), mentre l’oratorio di San Francesco è aperto al mattino fino alle 12.

Certosa di Vigano e Oratorio di Sant’Ippolito: un castello del XII secolo venne trasformato in Certosa dai monaci, mentre l’oratorio fu abbellito con affreschi del 1578 ad opera dei figli di Bernardo Luini, Aurelio e Giovan Pietro. In uno dei dipinti è raffigurata la Certosa di Pavia, che si appropriò dell’edificio e dei poderi circostanti nel 1400.

Oratorio della Madonna del Dosso: L’Oratorio della Madonna del Dosso sorge su un leggerissimo rilievo del terreno (dosso) posto tra le cascine Cantalupo e Baitana, lungo il percorso ciclo-pedonale “Camminando sull’acqua”. La struttura attuale è frutto di un rifacimento risalente al 1859, subito dopo la battaglia di Magenta, poi rinnovato negli anni Quaranta e Ottanta del ‘900.

Lago Boscaccio: la superficie di questo lago artificiale è di circa 35 ettari. Si caratterizza per la presenza di un’avifauna e di un’ittiofauna particolarmente ricche. Lungo il perimetro del lago si svolge un percorso pedonale e il percorso ciclabile “Camminando sull’acqua”.

Arte contemporanea: “UN NUOVO PAESAGGIO NUTRE IL VIANDANTE, Natura/Narrazione-Astrazione/Trasfigurazione” è il titolo della mostra a cielo aperto che ospita le opere dell’artista-scienziato Paolo Ferrari. L’installazione si snoda nella campagna circostante Gaggiano e rispecchia i cambiamenti dell’acqua, della terra, della natura che la circondano.

https://www.facebook.com/sharer/sharer.php?u=/it/resource/poi/gaggiano-e-dintorni-mi/&src=sdkpreparse
loading